I principali oggetti nell’arredamento modernariato

1575
arredamento modernariato

Negli ultimi anni si sente spesso parlare di modernariato: ma che cosa si intende per modernariato?

Con questo termine si fa riferimento alla produzione di oggettistica ed arredamenti realizzati tra gli anni Trenta e gli anni Ottanta del Novecento. A partire da questo momento infatti gli oggetti domestici, vale a dire quelli di uso comune e quotidiano, iniziano ad essere progettati con forme insolite, assumendo lo status di vere e proprie opere d’arte.

Il momento storico di maggiore splendore di questa corrente artistica può essere collocato sicuramente negli anni del dopoguerra: in questi anni si diffonde il desiderio di portare il bello nelle case delle persone e di renderlo accessibile a tutti.

Potremmo quindi definire il modernariato come il padre di quello che oggi chiamiamo design, in un periodo in cui il bello e l’innovazione entrano a far parte della quotidianità.

Lo stile del modernariato

Nella categoria del modernariato rientrano complementi d’arredo come sedie, tavoli, poltrone, divani, ma anche elettrodomestici quali frigoriferi, tostapane.

Il modernariato ha uno stile facilmente riconoscibile. Questo si caratterizza per le linee pulite, morbidità delle forme, l’utilizzo di materiali naturali come il legno, il lino e la pelle. A questi materiali, successivamente sono stati accostati il metallo, la plastica ed il compensato.

Ai materiali semplici, si aggiungono colori dalle tonalità neutre pastello, per quanto riguarda gli elettrodomestici; mentre per quanto riguarda i complementi di arredo, le tinte si fanno più accese, come ad esempio il rosso, blu e l’arancio.

Quali sono gli oggetti e i mobili di modernariato più ricercati

Attualmente si sta diffondendo una nuova ondata di interesse nei confronti di questo ricercato e sofisticato stile.

Tra gli oggetti più ricercati ci sono sicuramente:

  • mobili;
  • mobili-bar;
  • tavoli;
  • sedie;
  • librerie;
  • lampade;
  • telefoni fissi;
  • radio;
  • giradischi;
  • macchine da scrivere.

Ovviamente la caccia è rigorosamente mirata all’articolo originale, la cui produzione è collocabile dagli anni Trenta fino ai Settanta.

Dove acquistare pezzi unici di modernariato

Vi è un alta probabilità che già all’interno delle nostre case siano presenti mobili ed oggetti di modernariato, magari dimenticati in cantina.

Quando si tratta di recuperare i pezzi vintage unici, tipici della manifestazione del modernariato, la loro ricerca non è scontata.

Infatti se il canale più comune è la vendita, trovare nei negozi questi articoli risulta essere molto complesso.

Esiste un mercato di nicchia a riguardo, poco conosciuto , che si basa sulla compravendita di questo genere di oggettistica.

Sempre più diffusi sono i mercatini vintage: qui si possono trovare dei pezzi di arredamento ed oggettistica a prezzi molto vantaggiosi. Allo stesso modo è molto semplice trovare delle vere e proprie rarità nei negozi di antiquariato.

Ogni anno in molte città sparse in tutta Italia vengono organizzate importanti fiere e mostre mercato: queste contribuiscono notevolmente alla vendita al pubblico di oggetti e arredo d’antiquariato.

Ovviamente tra i motori che promuovono la commercializzazione del vintage non può mancare il web. Infatti on-line è molto diffusa la compravendita di oggetti di modernariato, attraverso numerosi siti che propongono suppellettili e arredi a prezzi molto vantaggiosi.

Ma la facilità con cui si possono reperire ed acquistare questi elementi d’arredo in rete, ha di contro lo svantaggio di non poter avere un riscontro fisico immediato. Benchè la merce sia minuziosamente descritta e completa di testimonianza fotografica circa lo stato di conservazione, il rischio di acquistare degli articoli difettati o non conformi è molto alto.