Dolori alla schiena: quando la postura può fare la differenza

1040
Dolori alla schiena

Soffri di dolori alla schiena e non sai più cosa fare? Lo sai che il problema potrebbe essere la postura? I dolori alla schiena e alla cervicale sono molto comuni e possono affliggere persone di qualsiasi età. Le cause sono numerose, ma tra le più comuni troviamo le posture scorrette che vengono mantenute durante la giornata, a volte per molte ore consecutive.

Se ad esempio svolgi un lavoro d’ufficio e stai tutto il giorno davanti al computer, staccando solo durante la pausa pranzo, ti troverai molto probabilmente ad assumere posizioni che potrebbero sembrarti comode ma che, a lungo andare, causeranno infiammazioni e irrigidimento della muscolatura e delle articolazioni della schiena e del collo. Anche chi sta in piedi molte ore consecutive può sviluppare dolori alla schiena causati da posture errate, in associazione ad altri fattori.

Per trovare un sollievo immediato al dolore, ad esempio, puoi ricorrere ai rimedi Dicloreum sintomi mal di schiena da postura, molto efficaci per aiutarti ad arrivare alla fine della giornata e a non restare bloccato. A questi dovrai però associare comportamenti che ti aiuteranno a risolvere il problema alla radice, eliminando le cattive abitudini che ti fanno assumere posture scorrete.

L’importanza di una corretta postura

Fin da bambino ti sei sentito ripetere di tenere la schiena dritta, di non sederti male sulla sedia, di non ciondolare, eppure mantenere una postura corretta non è per nulla semplice. Una volta raggiunta l’età adulta più nessuno ti ha ricordato quanto sia importante stare dritti e, a lungo andare, hai finito per dimenticartene.

Eppure una buona postura può davvero fare la differenza. In primo luogo evita la comparsa di dolori alla schiena e al collo i quali, in alcuni casi, possono irradiarsi a spalle, arti superiori, arti inferiori e testa; in secondo luogo, ti permette di mantenere un aspetto migliore e di evitare di ritrovarti a distanza di anni con la schiena storta o asimmetrie che potrebbero andare a compromettere gli organi interni.

Mantenere una buona postura ti aiuterà anche a migliorare la respirazione, la circolazione del sangue e la digestione, oltre a farti apparire più attraente. Tutti questi fattori positivi si ripercuotono sull’umore e sull’autostima, facendoti sentire più sicuro e positivo.

Postura scorretta: ecco cosa comporta

Una postura scorretta, soprattutto se mantenuta a lungo e associata a mancanza di movimento, causa inizialmente dolori alla schiena e alla cervicale.

A lungo andare, oltre a fare irradiare il dolore in altre parti del corpo, i difetti di postura possono provocare emicrania, ronzii nelle orecchie, difficoltà nella deambulazione. Se si continua a non intervenire si potrà essere soggetti a ernie dei dischi intervertebrali, deformazioni della spina dorsale, problemi respiratori e cardio-circolatori, difficoltà digestive.

Ecco come mantenere una postura corretta

Mantenere una postura corretta è possibile, ma per riuscirci dovrai innanzitutto individuare la causa delle posture scorrette che assumi durante il giorno. Tra queste possiamo trovare quelle alle quali abbiamo accennato nell’introduzione, ossia trascorrere molte ore seduti, magari davanti a un computer, oppure in piedi; tra le altre cause che possono portarti ad assumere posture errate rientrano i difetti ai denti e alla vista, quelli ai piedi, nonché sovrappeso, stanchezza e stress.

Se il tuo problema è dato da problemi di tipo fisico, evita il fai da te e rivolgiti a un professionista che possa aiutarti a trovare una soluzione. Nel caso in cui le posture errate dipendessero dal lavoro d’ufficio, dovrai rendere la tua postazione più ergonomica; se invece ti trovi a trascorrere molte ore in piedi, prova a usare delle scarpe comode che ti aiutino a mantenere la posizione corretta. In entrambi i casi, fai un po’ di movimento ogni ora, cammina qualche minuto e fai degli esercizi di allungamento per la schiena.