Quanto costa una consulenza SEO?

35
consulenza SEO

Oggi sempre più aziende e professionisti si stanno rendendo conto di come sia importante essere visibili su Google per poter sfruttare le possibilità che internet offre a qualsiasi modello di business. Se in passato infatti erano sempre di più quelli che pensavano bastasse creare un sito e aspettare i clienti dal web, oggi si è ormai diffusa la consapevolezza che senza un lavoro SEO fatto bene il sito rimarrà con ogni probabilità quasi invisibile e non porterà i benefici sperati.

Infatti per posizionarsi bene su Google per le parole chiave più rilevanti per un determinato settore di business non si può improvvisare e affidarsi al caso, ma è necessario definire una strategia ed intervenire in modo preciso sui vari aspetti che influenzano il ranking di un sito, come la sua struttura, l’ottimizzazione del codice e dei contenuti e la gestione della sua reputazione online attraverso link e menzioni.

Quelli qui elencati a grandi linee e senza entrare nello specifico sono aspetti fondamentali che è bene siano seguiti e implementati da un professionista esperto nelle attività di posizionamento sui motori di ricerca, per ottenere risultati concreti, duraturi e misurabili. È quindi necessario rivolgersi ad un consulente SEO o ad una web agency esperta anche nei servizi di posizionamento, richiedere e valutare alcuni preventivi per decidere a chi affidare il compito di aumentare la visibilità della propria attività su internet.

Come richiedere e valutare un preventivo SEO

Non è facile stabilire i prezzi dei servizi SEO in modo preciso perché ogni progetto ha delle caratteristiche e delle necessità particolari, per cui è praticamente impossibile stabilire dei prezzi “giusti” per tutti; inoltre nei costi di una consulenza SEO va considerato non solo il lavoro intrinseco, ma anche l’esperienza e il livello di preparazione di un professionista, che chiaramente non è uguale per tutti, ma che incide in modo significativo sul risultato finale.

Quindi prima di richiedere un preventivo è bene fare una valutazione del proprio budget e dei propri obiettivi, tenendo presente che, come in tutti i settori, un professionista o un’agenzia di comprovata professionalità ed esperienza avranno un costo decisamente maggiore rispetto ad uno alle prime armi. Spesso anche in questa fase ci viene in aiuto Google, su cui possiamo valutare esperienza, progetti e risultati dei vari “candidati”.

Consulente SEO Freelance o agenzia?

Una delle prime scelte da fare è quella se rivolgersi ad un consulente freelance o ad un’agenzia. Magari si può essere portati a pensare che una web agency, essendo più strutturata, sia necessariamente più qualificata per svolgere questo tipo di lavoro, ma questo non è assolutamente vero; ci sono ottimi consulenti freelance (o forse sarebbe meglio chiamarli liberi professionisti) che in molti casi possono garantire risultati ugualmente importanti, se non migliori.

Il libero professionista generalmente potrà offrire anche prezzi più bassi per i suoi servizi e questo non è sinonimo di minore qualità, ma è semplicemente dovuto al fato che un freelance non ha molti dei costi fissi che invece deve sostenere un’agenzia. Inoltre con il libero professionista si va a creare per forza di cose un rapporto più personale rispetto a quello che c’è con un’agenzia e questo è importante anche per aumentare la fiducia, visto che in questo settore ci sono ancora, purtroppo, molte aziende che sono rimaste scottate da sedicenti guru che non hanno portato risultati apprezzabili, spesso anche a fronte di spese significative.

Allora meglio un freelance? Non sempre, perché c’è anche il rovescio della medaglia. Oggi non ha infatti senso considerare la SEO e le altre attività di web marketing come dei compartimenti stagni, perché i risultati migliori si ottengono grazie ad una sinergia ottimale tra i vai aspetti. Visto che è molto raro che un solo professionista sia esperto in tutti i campi del web marketing, anche un consulente SEO dovrà interfacciarsi con altri ambiti, ad esempio con un copywriter (addetto alla scrittura di contenuti) o un social media manager per curare alcuni aspetti del progetto; al contrario un’agenzia, se composta da professionisti validi, probabilmente ha già al suo interno le varie figure e può quindi gestire il progetto in autonomia.

Il libero professionista, dal canto suo, può colmare questo gap attraverso una buona rete di relazioni digitali con altri freelance che si occupano di aspetti diversi di web marketing.

Conclusioni

Per valutare un preventivo SEO non fermarti al prezzo: chiedi maggiori informazioni, valuta quello che ti viene proposto e confronta i vari preventivi che ti sono arrivati, cercando di capire se in un prezzo più conveniente sono esclusi servizi fondamentali e di cui hai bisogno per crescere.

È sbagliato considerare le attività SEO (ma in generale tutte quelle che contribuiscono ad aumentare la visibilità) come un costo, perché andrebbero viste invece come un investimento e se vuoi ottenere ottimi risultati duraturi nel tempo e senza rischiare di incorrere in penalizzazioni da parte di Google, devi essere pronto ad investire una cifra adeguata e proporzionale al beneficio che ti aspetti dal servizio: pagare poco, ottenere tanto non funziona nemmeno su internet!