Pneumatici Quattro Stagioni: come mantenerli in ottime condizioni

317
Pneumatici Quattro Stagioni

Usi molto la tua auto e di conseguenza ti trovi costretto a dover cambiare spesso le gomme? Se utilizzi pneumatici Quattro Stagioni per motivi sia pratici che economici, perché ti permettono di evitare il problema del deposito delle gomme non utilizzate e l’acquisto di nuove stagionali, noterai che la loro usura, tenendoli montati per tutti e 12 i mesi dell’anno, è abbastanza rapida. Cosa fare quindi? Abbassare la qualità degli pneumatici per risparmiare è sicuramente un errore, visto che la sicurezza rappresenta il fattore prioritario alla guida; inoltre pneumatici scadenti o usati hanno vita ulteriormente più breve. Come dire, alcune volte per risparmiare si spende due volte. Il modo migliore per garantire una longevità ottimale ai propri pneumatici Quattro Stagioni è quello di mantenerli in perfette condizioni, prendendo quindi pratici e semplici accorgimenti che possono ritardare l’usura. Ricorda che quando lo spessore del battistrada scende sotto i 2mm, il cambio gomme diventa necessario: non prolungare ulteriormente i tempi!

Scopriamo come tenere in ottime condizioni i nostri pneumatici.

Pressione

Affinché la vettura mantenga le caratteristiche di sicurezza e di affidabilità, è fondamentale tenere gli pneumatici alla giusta pressione. Una configurazione corretta mantiene la macchina bilanciata e garantisce un’usura omogenea delle gomme, evitando che alcune si consumino prima delle altre. Per conoscere la pressione ideale per i propri pneumatici basta consultare il manuale dell’auto o chiedere a personale specializzato in un’officina.

Anche se tutto sembra a norma, i controlli periodici (richiedono solo pochi minuti) contribuiscono a garantire il regolare utilizzo degli pneumatici. Controlli obbligatori invece in caso di incidenti o urti che coinvolgano le gomme. Importante: quando si utilizzano Pneumatici Quattro Stagioni, la pressione delle gomme potrebbe variare leggermente a seconda delle diverse condizioni atmosferiche: durante l’inverno, infatti, si consiglia di gonfiarle ad una pressione di circa 0.2 bar in più per compensare il fisiologico calo dovuto al freddo.

Rotazione

Un classico, un rimedio conosciuto da sempre e operato frequentemente per prolungare la vita degli pneumatici; visto che quelli anteriori presentano una velocità di usura superiore rispetto a quelli posteriori, invertirli con questi ultimi serve a riportare su un livello omogeneo il consumo della gomma. Deve essere premure dell’automobilista o del professionista incaricato della rotazione controllare che gli pneumatici siano abilitati (è il caso più comune) a ruotare a destra e a sinistra, oltre che in avanti e indietro.

Bilanciamento

Questo accorgimento è in realtà un’operazione necessaria e con la duplice funzionalità: aumentare la vita degli pneumatici e favorire una guida fluida e sicura. Bilanciare gli pneumatici serve a far in modo che vengano ridotte o eliminate tutte le vibrazioni che si avvertono a causa dell’attrito con l’asfalto e delle imperfezioni del manto stradale. In primo luogo, un assetto bilanciato aumenta la stabilità e quindi la tenuta di strada, poi garantisce un consumo omogeneo del battistrada. Diversamente, ci si troverebbe con gomme più nuove e altre molto più usurate e quindi da cambiare prematuramente.

Il bilanciamento deve essere effettuato da personale qualificato, in officine certificate, necessitando di macchinari adeguati. La tempistica consigliata è di circa due volte l’anno.

Allineamento

Altra variabile di assoluta importanza è l’allineamento delle ruote: un disallineamento dell’asse può provocare perdite di controllo e di aderenza, specie con l’aumentare della velocità. La sicurezza, tuttavia, non è l’unico aspetto da valutare per quanto riguarda l’allineamento; anche il consumo degli pneumatici risente delle caratteristiche di questo fattore, che dovrebbe garantire, in condizioni ottimali, un’usura omogenea delle gomme.

Anche in questo caso i controlli periodici, effettuati presso officine specializzate, permettono di preservare il più a lungo possibile la salute degli pneumatici. Il risparmio è anche una questione di buonsenso, buonsenso che contribuisce ad una maggiore sicurezza per gli utenti della strada.