Deumidificare casa fai da te, come deumidificare casa in modo sicuro

453
Deumidificare casa

In questo periodo di caldo e afa, l’elemento che più si fa sentire è la sensazione di occlusione e pesantezza addosso, data dalla presenza di umidità. Esiste un modo per trovare un po’ di sollievo, senza dover fare i conti con le spese della corrente per l’utilizzo del condizionatore d’aria.

Come deumidificare casa

L’umidità può essere favorita anche da piccole azioni quotidiane, delle quali si sottovaluta la responsabilità alla presenza di questo elemento in casa. In bagno, per esempio, l’uso di acqua calda, basta anche che questa sia tiepida, in doccia o anche nei semplici sanitari, può favorire l’accumulo di umidità, che può essere avvertita rientrando qualche istante dopo nella stanza. Per ridurre questo problema, può essere installata una ventola, a patto che questa sia collegata in qualche modo verso l’esterno, sia affacciando direttamente a una finestra, oppure, collegata a un impianto d’areazione. Anche in cucina, dove l’umidità si accumula a causa dell’evaporazione dell’acqua dalle pentole durante la cottura, si può mettere in funzione la cappa per aspirarla, invece che farla disperdere all’interno dell’ambiente. Ovviamente, per deumidificare casa esistono degli appositi deumidificatori: elettrici, o incorporati nei condizionatori, ma esistono anche dei metodi fai da te, naturali e che non pesano sulle spese domestiche.

Come eliminare l’umidità in casa con metodi fai da te

Esistono dei metodi fai da te per deumidificare casa senza spendere nulla che non richiedono l’acquisto di macchine costose per aspirare l’umidità dall’aria. Basta solo adottare dei piccoli accorgimenti per ridurre sensibilmente l’umidità nella propria abitazione. Quando le temperature esterne non sono eccessivamente alte, aprire degli spiragli, lasciando gli avvolgibili abbassati, aiuta non solo a garantire un ricambio continuo dell’aria e quindi evitare il ristagno di umidità, ma perfino a mantenere freschi gli ambienti, come fossero condizionati.

Inoltre, se si possiedono piante, è consigliabile ridurre al minimo le innaffiature, farlo solo se è davvero necessario, oppure eseguire queste operazioni in dei balconi o verande. Inoltre, si consiglia di svuotare i sottovasi, quando questi presentano dei ristagni d’acqua.

L’adozione di questi metodi però non garantisce sempre la buona riuscita nell’eliminare l’umidità in modo efficacie e quindi, è necessario ricorrere a dei deumidificatori, i quali possono anche essere realizzati in casa.

Come realizzare un deumidificatore fatto in casa

Con semplici elementi che possono essere reperiti in ogni casa, si può realizzare un deumidificatore fai da te e con una spesa minima. Quasi tutti i deumidificatori fai da te, prevedono l’uso di sale:

Deumidificatore a sale con bottiglia di plastica – In ogni casa è possibile trovare una bottiglia di plastica. Questa può semplicemente essere tagliata in due e dopo averla asciugata per bene, bisogna mettere al suo interno del sale grosso, sapendo che circa 150 grammi possono deumidificare un ambiente di circa 25mq. Infine, bisogna racchiudere il tutto avvolgendolo in un telo;

. Deumidificatore a sale con contenitore di plastica – Prendere un contenitore di plastica con coperchio, come quelli che si utilizzano per conservare i cibi. Al suo interno bisogna mettere un sacchetto d’organza con del sale nelle quantità necessarie, considerando la proporzione già descritta. Il coperchio va bucherellato e il recipiente va chiuso;

. Lampada a sale deumidificante – Esistono delle lampade che non sono solo elementi estetici per arredamento, ma hanno anche un’azione funzionale per contrastare l’umidità. Sono appunto, le cosiddette lampade a sale, le quali contengono sale dell’Himalaya e che sono in grado di attirare naturalmente l’umidità presente nella stanza. Il costo varia in base alla grandezza e può oscillare tra 20 e 70 euro.

Deumidificatori a sali funzionano?

I deumidificatori a sale non rappresentano ovviamente una soluzione ai grossi problemi dovuti all’umidità, come le muffe o i casi gravi. Il deumidificatore a sale è una soluzione locale low cost, significa che è efficacie nell’aria intorno a esso e non può mai sostituire un vero e proprio deumidificatore elettrico.