Come diventare interior designer

60
Interior Designer

Quella dell’interior designer (o progettista di interni) è oggi una delle professioni più ambite dai giovani e più richieste dalle aziende, tanto in Italia quanto nel resto del mondo.

Ciò nonostante, fra i non addetti ai lavori, c’è ancora molta confusione circa le specifiche mansioni del designer d’interni, nonché riguardo il percorso formativo richiesto per diventarlo.

Di seguito, illustreremo innanzitutto di cosa si occupa esattamente questa figura professionale e spiegheremo poi come diventare interior designer.

Cosa fa l’Interior Designer?

Per prima cosa, facciamo chiarezza su un punto fondamentale: in cosa consiste, esattamente, il lavoro dell’interior designer?

Capita spesso di confondere questa professione con quella dell’arredatore (se non addirittura dell’architetto). Certo, le scelte stilistiche sono una parte importante nel lavoro di qualsiasi progettista di interni e rappresentano forse l’aspetto più tangibile del suo operato.

Tuttavia, l’ambito di competenza di un designer di interni è decisamente più esteso: non si tratta soltanto di armonizzare l’accostamento di elementi e di ricercare soluzioni estetiche armoniose, ma di occuparsi della progettazione di spazi interni nel senso più ampio del termine.

Un interior designer si dedicherà dunque a questioni quali la suddivisione degli ambienti, la coerenza degli arredi o la scelta dei colori, ma anche dell’illuminazione e della corretta collocazione dei punti luce.

Due aspetti imprescindibili, che un designer d’interni deve tenere sempre a mente, sono la funzionalità e la praticità, ai quali si aggiunge, naturalmente, la sicurezza.

Le competenze richieste per diventare interior designer abbracciano diversi ambiti. Requisiti fondamentali sono una certa sensibilità artistica ed una notevole creatività, ma anche la capacità di comprendere quali siano le specifiche esigenze dei propri clienti, anche quelle non espresse esplicitamente.

Su un piano più pratico, è sempre più importante la conoscenza delle nuove tecnologie. In particolare, è fondamentale una buona dimestichezza con l’utilizzo di software di grafica tridimensionale.

Le modalità attraverso le quali l’interior designer esercita il proprio lavoro potrebbero essere diverse da come si sarebbe portati a pensare. Innanzitutto, egli non si occupa esclusivamente di abitazioni private, ma anche di negozi ed attività commerciali, uffici pubblici e privati, stazioni ferroviarie, e così via.

Inoltre, non sempre l’interior designer lavora come libero professionista nel suo studio privato: al contrario, è molto frequente che faccia parte di una grande azienda.

Corsi per Diventare Interior Designer

In Italia, l’unica associazione che qualifica professionalmente gli interior designer è l’AIPI (Associazione Italiana Progettisti d’Interni), fondata a Milano nel 1969. Benché si tratti sicuramente di un punto di riferimento ormai consolidato per i designer d’interni, l’AIPI di per sé non organizza percorsi formativi.

Come dicevamo all’inizio, l’interesse nei confronti di questa figura professionale è molto cresciuta negli ultimi decenni. In risposta alla sempre più nutrita schiera di giovani che vogliono diventare interior designer sono quindi stati istituiti degli specifici corsi di laurea nelle università di diverse città italiane.

Fra queste, segnaliamo innanzitutto il Politecnico di Milano, l’Università Federico II di Napoli, La Sapienza di Roma e gli atenei di Parma e Bolzano.

Ai corsi universitari si aggiungono quelli tenuti da una moltitudine di istituti privati, presenti in ogni zona della penisola. Tipicamente, si tratta di corsi relativamente lunghi e con frequenza obbligatoria. Nel caso di superamento dell’esame finale, viene rilasciato il relativo diploma.

Alcuni dei corsi suggeriti (e riconosciuti) dall’AIPI sono:

  • Corso di Interior Design del Polo Michelangelo di Bologna, della durata di 4 anni (3 di corso + 1 di Tesi).
  • Corso di Interior Design dell’Università Europea del Design di Pescara, della durata complessiva di 3 anni.
  • Corsi triennali tenuti dalla Nuova Accademia del Design sia in aula, nelle sedi di Verona e Milano, sia online a distanza.
  • Corsi dell’Accademia Cappiello di Firenze, della durata di circa 15 mesi.