Nasce CASACATANIA: le quattro priorità di Enzo Bianco
di redazione
"Lavoro, solidarietà, periferie e giovani per la rinascita della città". La rinuncia alla corsa per il Senato per far nascere un nuovo patto a favore della sua Catania

 

Catania, 14 febbraio 2013 – Un patto con le forze sociali e produttive della città per il lavoro  e il rilancio dell'economia; il recupero della dignità e della solidarietà in una città dove un quarto della popolazione vive sotto la soglia della povertà; restituire sogni e speranze ai giovani catanesi; portare le periferie al centro della città dando opportunità di sviluppo e crescita.

Sono queste le prime quattro priorità su cui Enzo Bianco, candidato sindaco alle prossime amministrative di Catania, vuole confrontarsi con i comitati civici e con la cittadinanza e con le forze politiche per la stesura del suo Progetto Catania. Ne ha parlato oggi, nel corso dell’affollata inaugurazione di CasaCatania, lo spazio voluto dai Comitati civici che sostengono la sua candidatura e che si offre alla città come officina di idee, suggerimenti e iniziative di solidarietà aperta al contributo di tutti i cittadini: oltre duemila, intanto, quelli intervenuti dalle 17 del pomeriggio in via Oliveto Scammacca, vicino al Parco Falcone, luogo-simbolo della Primavera di Catania che ebbe come sindaco proprio Enzo Bianco. Presenti anche parlamentari nazionali e regionali (Burtone, Raia, Barbagallo, Malafarina); consiglieri comunali e provinciali; esponenti politici del PD, Lista Crocetta, Sel, Rivoluzione Civile, PSI e Verdi; rappresentanti del mondo produttivo come Confindustria, Confcommercio, Confesercenti, sindacale come Cgil, Cisl e Uil e dell'associazionismo come l' Unione Italiana Ciechi. “Qualche settimana fa - ha detto Bianco alla platea dei cittadini intervenuti all'inaugurazione - ho comunicato al segretario del mio partito, Pierluigi Bersani, al quale auguro di avere successo nella prossima tornata elettorale, che rinunciavo all'offerta di guidare una delle liste al Senato della Repubblica. Ho spiegato che desideravo impegnarmi solo ed esclusivamente nella mia città”.

Con circa mille metri quadri di superficie, vicino al verde del Parco Falcone e al Piazzale Sanzio – uno degli snodi principali del sistema di trasporto municipale, CasaCatania è un grande open space realizzato con il contributo gratuito di decine di volontari. “L’immobile – spiega ancora il senatore Bianco - è stato allestito gratuitamente dai volontari dei comitati civici e arredato coinvolgendo con il loro contributo creativo studenti e professionisti. Inaugurarlo per San Valentino vuole essere un atto d’amore dei catanesi verso la loro città”.

In arrivo, grazie all’attività dei comitati, altre CasaCatania nei quartieri con l’obiettivo di creare una rete diffusa sul territorio cittadino: ovunque si riunisca gente disposta a fare da raccordo a favore della collettività dando un contributo reale di idee, di fattività, di presenza.

Numerosi i giovani che hanno accolto con entusiasmo l’invito a partecipare all’inaugurazione di oggi. Fra loro tre gruppi musicali: Giuseppe Cucè e il quartetto jazz dei Ginger Mood Quartet, i Dossi Artificiali e la straordinaria young-band degli Over Line (hanno tra gli 11 e i 17 anni). L’allestimento di CasaCatania ha visto il contributo delle immagini di Fabrizio Villa – suoi gli scatti sulla città – mentre gli studenti del Liceo artistico Lazzaro hanno realizzato alcuni pannelli illustrati.

 



15/02/2013
Gerenza | Scriveteci | Sostieni il dito | PubblicitĂ 
ildito.it - associazione Athena (p.iva 03944360878)