Carmelo Sofia: "Chiunque voglia candidarsi a Sindaco deve lasciare ogni velleità romana"
di Carmelo Sofia*
Il Vicepresidente del consiglio comunale di Catania Carmelo Sofia, sottolinea il bisogno di un impegno forte ed esclusivo per chiunque decida di candidarsi a Sindaco di Catania.

 

"La linea che si sta delineando in questi giorni sulle amministrative di Catania è chiara. Chiunque voglia candidarsi a Sindaco deve lasciare ogni velleità romana, a partire dalle primarie per la Camera e il Senato. E' giusto rischiare per questa città, perchè i problemi sono gravissimi e l'impegno deve essere massimo, non a metà. Enzo Bianco avrà sicuramente la possibilità di ottenere prestigiosi incarichi nazionali nel prossimo Parlamento, essendo leader nazionale della componente Liberal ed avendo seguito per conto del PD numerose e delicate iniziative parlamentari. La città, però, è allo sbando, stremata da dodici anni di malamministrazione del centrodestra che hanno colpito ogni settore. L'Amt è allo stremo, i dipendenti comunali rischiano di non ricevere la tredicesima, quelli del comparto "sociale" non ricevono lo stipendio da 6/7 mesi. E nonostante tutte le aliquote siano di fatto al massimo la città è in dissesto tecnico. Serve uno sforzo incredibile per risollevare questa città, prima e dopo la campagna elettorale. Chi vuole dedicarsi a Catania, dunque, deve avere in mente solo la città e questo vale per tutti ovviamente, non solo per Enzo Bianco". 

 *Vicepresidente del consiglio comunale di Catania

 



16/12/2012
Gerenza | Scriveteci | Sostieni il dito | PubblicitĂ 
ildito.it - associazione Athena (p.iva 03944360878)