Conti del Comune, ennesima bacchettata dalla magistratura contabile
Il gruppo consiliare del PD denuncia la «grave situazione finanziaria, così come statuita dalla Corte dei Conti. Quella statuita dalla magistratura contabile è la verifica più puntuale di quanto da molto tempo il Gruppo del PD ha denunciato anche in riferimento alla situazione di grave carenza di disponibilità di cassa»
IL DOCUMENTO / LA RELAZIONE DELLA CORTE DEI CONTI
Le impossibili affermazioni dell'assessore Bonaccorsi e la propaganda sul risanamento

Il gruppo consiliare del PD suona l'allarme sui conti del Comune. E' notizia di oggi, infatti, che la Corte dei Conti ha fatto rilievi importanti ai bilanci del Comune e che ha richiesto chiarimenti e provvedimenti, dipingendo una situazione poco rosea. «Gravissima è la situazione finanziaria del Comune del di Catania, così come statuito dalla corte dei Conti nella recente deliberazione adottata dalla Sezione di controllo della Regione Sicilia - affermano i consiglieri del PD, con in testa il capogruppo Saro D'Agata -. La Corte in un articolato provvedimento ha accertato gravi irregolarità ed anche delle specifiche violazioni di legge invitando l'Amministrazione Comunale ad adottare urgenti misure correttive. Quella statuita dalla Corte è la verifica più puntuale di quanto da molto tempo il Gruppo del PD ha denunciato anche in riferimento alla situazione di grave carenza di disponibilità di cassa con la conseguenza, fra l'altro, dei continui ritardi della corresponsione degli stipendi ai dipendenti».

Secondo i consiglieri del PD «l'Amministrazione Stancanelli, nonostante i proclami e le promesse, non ha saputo o voluto risolvere i problemi finanziari del Comune, penalizzando oltremodo i cittadini catanesi ,con la scelta delle massime aliquote per i tributi ( IMU,RPEF,TARSU). Non è più tempo di attese - aggiungono i consiglieri - ma è invece l'ora di assumere decisioni a tutela dell'intera città, che devono essere tempestive, efficaci e soprattutto capaci di effettuare, nel campo finanziario, quella netta inversione di tendenza che da molto tempo i cittadini catanesi si attendono».

Il Gruppo del PD perciò «invita il Presidente del Consiglio comunale ad intraprendere ogni iniziativa per meglio rispondere ai rilievi espressi dalla Corte anche nei confronti dell'organo consiliare in ordine alla mancata adozione di deliberazioni previste da norme di legge». Infine, aggiunge D'Agata, «il Gruppo del PD continuerà come sempre nell'opera di verifica dei vari atti posti in essere dalla Giunta Stancanelli denunciando gli sprechi ed anche le gravi inadempienze contabili produttrici di situazioni ormai inaccettabili da parte della cittadinanza».



10/09/2012
Gerenza | Scriveteci | Sostieni il dito | PubblicitĂ 
ildito.it - associazione Athena (p.iva 03944360878)