Aeroporto di Comiso, un odg 
in Senato per aprire al più presto
Presentato dai senatori Bianco, D'Alia, Vizzini, Battaglia, Pistorio e Serra l'ordine del giorno è stato approvato stamattina. Impegna il governo a inserire lo scalo nell'elenco Enav. E nel pomeriggio passa un emendamento al dl su vigili del fuoco che inserisce lo scalo nell'elenco Enav. Bianco: «La Sicilia orientale non può attendere, un altro aeroporto è fondamentale in caso di chiusura di Fontanarossa, anche in vista dei lavori di rifacimento della pista fra novembre e ottobre»

E' stato approvato, stamattina al Senato, l'ordine del giorno G103 al DDL n. 3372 proposto dai senatori D'Alia, Vizzini, Battaglia, Bianco, Pistorio e Serra che impegna il Governo, al fine di consentire una migliore e più strutturata capacità di intervento aereo tenuto conto delle oggettive difficoltà ambientali in cui potrebbe trovarsi l'aeroporto di Catania, a valutare l'opportunità di inserire l'aeroporto di Comiso nell'elenco degli aeroporti di competenza ENAV nel Contratto di programma 2013-2015 tra ENAV e Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, Ministero della difesa, Ministero dell'economia.

«La Sicilia non può aspettare in eterno e gli aeroporti sono fondamentali anche per intervenire in casi di emergenza - afferma il senatore del PD Enzo Bianco -. Occorre garantire un'offerta adeguata di infrastrutture nella parte orientale dell'Isola, a maggior ragione se si considerano eventi naturali come le eruzioni dell'Etna che possono costringere alla chiusura temporanea dell'aeroporto di Fontanarossa. Per questo occorre affiancare allo scalo di Catania l'aeroporto di Comiso prevedendone l'immediata entrata in servizio».

«E' quindi essenziale - scrivono i senatori nell'Ordine del giorno presentato - che vengano immediatamente attivati i servizi di navigazione aerea dando facoltà all'ENAV di assumerne la diretta responsabilità. Necessita quindi aggiornare l'elenco degli aeroporti assegnati ad ENAV mediante modifica del Contratto di programma in vigore tra l'Ente fornitore del servizio ed il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, sottoscritto di concerto con i Ministeri delle difesa e dell'economia».

E nel pomeriggio, in Commissione Affari costituzionali a Palazzo Madama, in sede di esame del decreto legge (79/2012) sui Vigili del Fuoco, è stato approvato un emendamento dei senatori Bianco, D'Alia e Vizzini, che al comma 1 recita: (art. 6 bis - Aeroporto di Comiso) «L'aeroporto di Comiso è inserito nell'elenco degli aeroporti di competenza ENAV nel Contratto di programma 2013-2015 tra ENAV e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ministero della Difesa, Ministero dell'Economia e delle Finanze. Dall'attuazione del presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica».

«Questo è un altro passaggio importante che testimonia la spinta per favorire la più celere apertura dello scalo siciliano - afferma Enzo Bianco -. Una apertura ancor più necessaria in previsione della annunciata chiusura dell'aeroporto di Fontanarossa dal 5 novembre al 5 dicembre per lavori di rifacimento della pista. L'utilizzo dello scalo di Comiso allevierebbe non poco i problemi di traffico aereo e i disagi per migliaia e migliaia di passeggeri, altrimenti costretti a volare su Palermo. Sarebbe una cosa positiva per l'intera rete dei trasporti della Sicilia sud-orientale e consentirebbe all'aeroporto di Catania di fare sistema così come previsto dall'attuale gestione della Sac».

 

 



11/07/2012
Gerenza | Scriveteci | Sostieni il dito | PubblicitĂ 
ildito.it - associazione Athena (p.iva 03944360878)